close

MY CHINA PLUS is the first Virtual Warehouse all-in-one to distribute on Chinese / Asian markets in an easy, effective and economical way in Shanghai New Free Trade Zone.

The solution, based on Food & Beverages distribution platforms activities and experience, is designed for manufacturers / distributors who wish to have direct support in their business operations, promotion and distribution also without the need for a corporate presence in China.

How does My China B2B PLUS?

  • 1) SETUP: with My China B2B support, the company defines the space and the type of products that will store (temperature controlled, Fresh, Frozen)

NB: The warehouse is into the Shanghai FREE TRADE ZONE. This allows that stored products to pay duties and taxation only when they have been sold!

  • 2) SEND PRODUCTS: The company sends by sea the items to be stored in the warehouse in China.
    • For products without Chinese labeling:
      • Simultaneously with the product sending, are activated for the incoming products, the procedures with the Chinese authorities for obtaining the Chinese labels.

      • Upon arrival and during storage, products labeling  with Chinese labels

NB This allows to sell immediately the products on the Chinese market (competitive advantage - Ready to Sell) and also be used in fairs / exhibitions as Chinese products, with a big reduction of costs if the same products are shipped from their own country to the same exhibition (about 800 € every 100 kg).

  • 3) MANAGEMENT: Remote monitoring of Virtual Warehouse Platform by My China B2B PLUS Tools.
    • Movement Managing of the stored goods  (in / out)
    • Transfer / transport to other Chinese locations and Asian nations (for fairs, events, sales).
    • Tours of potential buyers (Showroom) to touch the stored products before buy.
    • My China Desk support for all logistics management activities and business relationships with potential buyers / distributors
    • Storing also in other Chinese locations (as needed)

Benefits for MY CHINA PLUS customers :

  • Only one point of contact in english / chinese language for all procedures (logistics, distribution, commercial) and documentation (invoices, documents, etc. ..)
  • Cutting costs (and time) about fairs, exhibitions, workshops and tasting organization, sending samples / products in China and neighboring Asian countries (Hong Kong, Singapore, Japan, Korea etc ...) .
  • "READY TO SELL" competitive advantage directly in China for your business
  • No tax: Stored goods Taxation only when really sold
  • Chinese Labels: Quick management for Chinese product labels
  • Simplified management of your distributors directly in China and multi / distributors with a single national stock
  • Pay per Use for your warehouse in China
  • Showroom activity for buyers product overview and tasting
  • Transparent management of all steps
  • Monitoring direct from your own country

Choose "the PLUS" more appropriate for your distribution needs in China and Asia!

For information or contact: [email protected]

Highlights
Friday, 18 January 2019
HOT NEWS

Cloud Tags

2010 2011 2012 2015 2017 2030 30 years 3G Abroad accessories Additive Additives Additives Blacklist Adidas Advertising aerospace Affair Africa Agency Agenzia Agricultura Agriculture Aircraft airplane airport Airubs Airways Ajisen Ajisen Ramen alcohol Alex Koi alibaba Alimentare Alimentari all-electric Aluminum AmCham American Chamber of Commerce Anti-dumping antimonium Aokang apparel apple juice APTA AQSIQ Argentina ARJ21 Armando Tschang Armani Art Asean Asia Asian Fisheries and Aquaculture Forum Aston Martin Auchan Auction Auctions Auguri Automotive Aviation B2B baby Baby clothing Baby Food Baby Formula Baby-Food bacteria Bags Baihua baijiu Bally Ban Banana Bank Bankruptcy Banks banning Bazaar BCA Beer Beijing Beijing Consumer Association (BCA) Beijing Yanjing Beer Belgium Bentley benzoyl peroxide Bergamo Beverage Bexpon big cities bio-pharmaceutical biopharmaceutical Bird nest biscuits Bjoern KEMPE Bob Dog Booking Hotels Boost Bordeaux Borsa Italiana Bottle bottles Brand Brands Brazil BRICS Bright Bright Dairy buckets Building bullet trains bund Burberry Business Business in China Buying BYD cabbages Cabeen Cable cadmium Calcium calcium peroxide Camera Nazionale della Moda Canada Cancer canned rice porridge Canton Fair Cappaletti Cappelletti Car carcinogenic additive CAREI Carrefour Carruades de Lafite Cars Cartier Cashmere CCCFNA CCCT CCTV Ceramics Certification Chanel Chang'e-2 charter flight Chateau CHATEAUX Cheap Clothes checks chemical chemicals additives Chen Deming Chengdu Chicken Children chile China China ; Malaysia China Banking Regulatory Commission China Banking Regulatory Commission (CBRC) China Chamber of Commerce for Import & Export of T China Council for the Promotion of International T China Davinci China Federation of Logistics and Purchasing China Gov China Green Food Development Center China Import and Export Fair China Leather Industry Association China Market China Mobile China State and Drug Administration China Supreme People's Court China Textile Machinery Corporation China Yangshan China-India Culture Year China; China Consumer Price Index China; Import China; Inflation China; machiery China; Organic Chinese Chinese Academy of International Trade and Economi Chinese Medicine Chinese rules on foreign investment disputes Chongqing Christian Dior chromium Cina Cinema CITIC Cities CK clean energy technology clenbuterol clenbuterol in pork Clothes Club Mediterrane Cluster CMIF CNEEC CNGOIC CNPC co-op agreements investments cobalt and nickel Coca-Cola COFCO Coffee Cold Chain Coldiretti COMAC Commerce Commercial Commercial Aircraft Corporation of China Commodities Communication Conference Construction construction tax Consumer Consumer Index Consumer Price Index Consumption tax contro Control Controlling prices Convenience Cooking area Copper Copycat Cork corn Corning Cosmetics Cost counterfeit goods CPC China Plan CPI Creative Credit card Credit Card lending Crisis Cruise Cruise Ship Hub CTMC CTS Cuochi Currency Cusine Customs Da Vinci Daimler Daimler AG's Mercedes-Benz Dairy Dam DaVinci DDEHP Deer Jet Deficit DEHP Delivery Demand Desk in Cina Destination developed nations Devos DHL Di-isodecyl phthalate Diary dietary supplements dirty cooking oil disinfect Disney Disneyland Distribution Dollar DOP Drinks drought droughts drugs Dumex Dumping Dumpling Dunhill Duties Duty Free E-commerce earnings Earthquake Ecolab Ecommerce Economy Economy Growth education-supporting tax Egg Egypt Electric electrical equipment electronic device Electronics Elio-3 Ellesse Energia Energy energy and resources energy conservation energy saving Engineering Enterprises Entertainment entrepreneurs entrepreneurship environment environmental EPC ePlatforms eProcurement Ermenegildo Zegna especially those related to new energy EU Europe European Confederation of Footwear Industries Event Program Evergrande Evian Exhibition Exibition Eximbank Expansion Expo Expo 2010 Expo Center Expo Shanghai export Export quotas Export-Import Bank of Chin Exposition Express-Delivery Fair Fairs Fake Farm Farm Stocks Farmers Fashion Fast test Fast-Food FDI Ferragamo Ferrari FIFA 2010 Finance Financial Crisis fine art sales Fish fisheries Five-year Program Flagstore Flakes Flour Fondazione Food Food & Beverage food additive food additives Food Beverage Food Quality Food Safety Food Security Food Wine Spirits Food&Beverage Food_safety footwear Forbes Forecast Foreign foreign firms formula Fortune Fortune500 Forwarding Fosun France fraud free trade Freexers Free_Trade_Zone French Fresh Fresh Juice Friendships fruit Fruits Furniture Fusione nucleare G20 GAC ganqing Garment garments GDP Geely Gelato General Administration of Customs German Germany Gift Glass GlaxoSmithKline antibiotic GM goat government procurement GP GradeA Grain Grana Padano grape Greece Green Green Book of China's Tourism Green Economy Green Farm Green Products growth GSK Guan Sheng Yuan Group Guangdong Guangzhou guanxi guava flavoring H&M Hainan Ham Handset Hangzhou Haoji happy_new_year health Health Tourism healthcare Healthy heath heavy metal heavy-duty truck Hermes High Tech High-end high-end Supermarkets High-End Fashion high-end manufacturing High-Speed rail High-Speed train high-tech Holiday Home products Honey Hong Kong Hongqiao Hong_kong Horticultural Hospitality Hotel Hotpot House Hu Jintao Hua Hai Ge Hualian Huangpu Huawei Hub Hubei Hugo Boss Hunan Huo Jianguo Hurun Hush Puppies hydraulic power plants hygiene Hypermarkets IBC Ice cream ID Card IGP Ikea Illegal illegal additives Import Incoming Incubator India Individuals Indonesia Industrial Industrial Cooperation Mechanism Industries industry Infant inflammable Inflation Ingredients Innovation Input Price Index Instant Noodle Instant Noodle chain instant soup Integrated intellectual property intellectual property rights Inter-American Development Bank Interests International International Division Internet Investmens Investment Investments IP IPI IPO IPR Iron ISAD IT Italia Italian Italian Business Center Italian Center Italian Luxury Italy Japan Japan Earthquake Japanese jewelry Jiangsu Shagang Group JNBY July Keppel Lan key infrastructure key technology Knorr_Nongtangbao Kondor Korea Kweichou Moutai Kweichow Moutai L'Oreal Label Labels Lacoste L!ve shop Lafite Law LCD lean meat Leaner pork Leather Legend Holdings LG Li Ning Li-Ning Lianhua Licencing light industry Lilanz limit Liquor liquors Loan Logistic Logistics logistics management system Lohas London Louis Vuitton low tier cities low-carbon technology lower tier Cities loyal Luigi Rossi Bernardi Luna Luxury Luxury Brands Luxury Car Luxury Furniture luxury goods LVMH M&A machinery Machinery manufacturer Made in China Made in Italy Malaysia Mall manipulation prices Manufacturing Marchio di qualità Marina Market Market supply Marketing Marks & Spence Mart Maserati Material Maybach McCormick McDonald Meat mechanical and electrical products mechanical equipment Media medical machine Medium Company Melamine Melamine-free Menswear mergers and acquisitions Merkel Mexico MIIT Milano Milano 2015 military milk millionaires Mine Mining mining and energy Minister of Commerce Ministero Politiche Agricole Ministry of Commerce ML-Class Mobile MOFCOM monetary Mooncake Moutai mouthwash MOVIEGOERS My China My China B2B Mágina Sierra Nanjing national Security Nesle Nest soup Networks New Energy New Mobile newyear night-shining jewel NIH Nike Nitrite Noodle North Africa NPC O2O Obesity Ochirly ODI Office oil oil and gas Olive Oil Olympic Games oolong tea Organic Organic Food Outbound Outlook Overseas overseas-funded P&G packaging palm oil Panasonic Panel Panic Paper Park Parmigiano Reggiano PC Peacekeeping peanut milk peanut oil People's Bank of China perfume Personal Tax peru Pesticedes Pfizer pharmaceutical photo photovoltaic photovoltaics Pig pigs Pipe Plastic Plastic Bag PMI poisoning cases Policies polo shirts polypropylene polyurethane foaming plastic Pomodoro Popcorn Pork pork lean Port Portable Ports Portugal Post Powder power transmission PPI Prada Price price hikes Prices Priego de Cordoba priority Private private boat business Private Equity Private sector Processros Producer Producer Price Index Producers Production Products Prosciutto di Parma Prospects protein Pudong Puma Purchase Restrictions Purchasing Managers' Index Purification PYE Qiao lab Qingdao Qipu Road Quality Quality Control Quality Life Quality test Quarantine ractopamine radiation Radio railways Ranking rapeseed oil Ration Raw Material raw materials real Estate Rebates Recall recycled Red cubilose Regulations renewable energy Renminbi Rent representative office registration Repubblicapopolare Reselling Resort restaurant Retail Retail & Distribution retail vegetables markets reuse rice Rich Ring Rinnovabili Rise Ristoranti italiani RMB Roquefort and Pruneaux d'Agen Rothschild Rserve RT rubber Rules Russia Safety salt Samsung Sanya SARFT scandal science and Seafood Sector Security Sell Seller Septwolves Services SEZ Shaanxi Shang Xia Shanghai Shanghai Association for Quality Shanghai dairy Shanghai Hub Shanghai Institute of Fiber Inspection Shanghai Municipal Bureau of Quality and Technical Shanghai Tang Shanghai Yuantong Express Shanghai Yunda Express share transfer Sharp sheep Shentong Express Shenzhen Shi Dinghuan shipbuilding Shipping Shoes Shopping Shuangliu Shui On SIAL Sial China SIAL CHINA 2011 SIAL China 2012 SICAB SIM Sinomach Sinopec Skyworth small household appliances Smartphone SME Social social stability Society software Solar Solar Energy Sony Soup South Africa South America South Korea Soy oil Soyabean Soybean Milk Soybeans soyoil Spain special economic zone Spirits Sport Drinks Sport Shoes sports Sportswear standard Standards Star Mall Starbucks Starch Noodle State Council State Food and Drug Administration State Owned status symbol Steel Steel Cylinder Stock Stock Exchange Stocks Store Stores Strategy Street Food suitcases Sunbird Yacht Suning Appliance Sunseekers Suntech Supermarket supermarkets surplus Surplus. Yuan Survey sustainability swaters Sweden Swill Oil Swiss systems integrator Tablet PC tainted Tainted food tainted steamed buns Taiwan Tanzanian Tariff Tariffs Taste Taste of Italy tax Tax-Free tax-free store Taxes Tea Tech technology Tecnologia Telecom Telecommunications Technology Television Test Textile The Hub Theme Park Three Gorges Dam Tianjin Tire TNT Tongwei Group tonics Top brand Top Brands Totole Tourism toys traceability Tracking tractor Trade Trading Traditional Chinese Medicine Traditional Food Traditional Medicine Train Transport transport systems Transportation Travel treating children Treatment Trend innovation Competition Triple play Tsingtao Brewery Tsunami Turkey Tv Tycoons UE UN UNCTAD Unicom United Biscuits upmarket food retail brand US US International Trade Commission (USITC) Usa USA; MOC VANCL Vanke varieties VAT Vegetable Vegetables Video Vietnam Visa last minute Volkswagen Volvo Wal Wal-Mart Waldorf Astoria Wanda Group Wang Qishan Wang Rong Wang Zheng Yuan Watchdogs watches Water Water Cube wealth wealthiest wealthy Wealth_report Web wedding Wedding Service Industries Wen Wen Jiabao West White Spirit wholesale Wine Wine & Spirits wine stoppers Winery woolen World World Bank World Electric Vehicle Association World Luxury Association (WLA) World Trade Organization WTO Wu Bangguo Wuhan Wuxi Xi'an Xiamen Xinfadi Xintiandi Xinxing xinyong Xstrata Xushuang Solar Yacht yachting Yachts Yanghe Brewery Yiducity Yiduqiao Yingli Yinlu Yiwu Yogurt Yonho Youku youth YTO Group Corporation Yuan Yunnan Yurun Food zaia Zara zbird Zhejiang ZTE ZTO Express

My CHINA B2B Blog

My China B2B Blog: Culture, Society, Finance, Business, Business to Business
Apr 22
2008

Comprare / vendere casa con il pin

Posted by My China B2B in Untagged 

My China B2B

Il mercato immobiliare cinese è in incredibile espansione, il vero volano della "nuova" ricchezza di cui i molti cinesi godono, giorno dopo giorno.

Per capire cosa sia successo, bisogna ricordarsi che in Cina, la proprietà privata è cosa recente.

Infatti nel 1949, la Rivoluzione Maoista aveva azzerato il concetto stesso di proprietà, portando tutto a proprietà collettiva.

Ma con le aperture economiche introdotte da Deng Xiaoping nel 1979, l'architetto dell'attuale boom cinese, fondamentale fu il riconoscimento della proprietà privata a livello costituzionale, una vera "nuova rivoluzione" che ne sanciva il diritto "legittimo e protetto dallo stato".

Va sottolineata l'importanza di questo passaggio che non è semplicisticamente una questione economica ma una faccenda prima di tutto politica.

Sulla carta infatti, la Cina è un paese "social-comunista" ma con l'introduzione della proprietà privata se ne abbattono le fondamenta teoriche.

Garantire appieno il diritto di proprietà significa infatti garantire ad una classe di cittadini, tendenzialmente indipendenti dal potere politico, di poter aprire la società al dibattito pubblico oltre ad essere un primo passo fondamentale per la introduzione delle riforme politiche di quella che Hu Jintao ha definita"Società Armonica".

Superati i tempi dello stato collettivista e delle comuni, nonostante quindi i leaders cinesi continuino a sottolineare il fatto che si sta sviluppando un mercato di "stampo socialista", nella realtà, come risultato della mediazione tra passato e futuro, con la ratifica del diritto alla proprietà privata, si sono iniettati i "geni" del sistema capitalistico.

Tale diritto, che dopo 4 anni di discussioni è stata ratificato anche sotto forma di leggi applicative lo scorso marzo proprio per coprire un "buco legislativo" fino ad allora esistente, sancisce inoltre altri diritti fondamentali, per noi normali, ma non per i cinesi: l'ereditarietà del diritto di proprietà, il diritto della proprietà sui redditi sulle case, sulla terra, sulle cose d'uso e di lavoro e anche sulle materie prime.

Inoltre si stabilisce che in Cina siano vigenti tre tipologie di proprietà: la proprietà statale, la proprietà collettiva collegata ai villaggi e alle contee e gestite localmente da appositi comitati, la proprietà privata individuale.

Il diritto alla proprietà privata introdotto in Cina a partire dal 1979, è stato probabilmente il passo fondamentale alla base dell'attuale crescita del paese, che nelle città ha creato benessere diffuso.

Ora però nella forma attuale, sta scontando qualche problema e malcontento nelle campagne, fatto che sicuramente richiederà qualche ulteriore intervento da parte del governo centrale, per continuare nella direzione della crescita "armonica" nel paese.

Comunque sia, è grazie a tutto ciò che fu così possibile al governo, unico proprietario fino ad allora, di iniziare a "vendere", per pochi Yuan, le case a molti cinesi delle grandi città, che così ricevettero il proprio diritto di proprietà (Real Estate Ownership).

Il valore di queste proprietà, negli anni hanno subito rivalutazioni incredibili. In questo modo si è andata creando una "nuova ricchezza" per molti cinesi.

Ma nella pratica come si "manifesta" il diritto di proprietà della casa in Cina?

I proprietari di casa ricevono una sorta di quadernetto (la Ownership) sul quale, oltre al loro nominativo, è presente anche la planimetria della casa oggetto del diritto di proprietà.

Ma interessante è osservare come a Shanghai, nelle nuove procedure, vi sia la curiosa peculiarità di assegnare al proprietario, oltre del nuovo certificato di proprietà, anche un codice PIN segreto, stile carta di credito.

Questo codice, esattamente come nel caso delle carte di credito, servirà quando si intendesse vendere il diritto di proprietà a qualcun altro, certificando così l'identità della persona venditrice con il codice da inserire nelle procedure necessarie alla vendita.

Insomma, per i nuovi proprietari di immobili in Cina, d'ora in poi, occhio al PIN!

Apr 22
2008

Miti, Leggende e Superpoteri

Posted by My China B2B in sports , Olympic Games

My China B2B

La Cina sta vivendo con grande apprensione le vicende legate alla salute del proprio atleta più rappresentativo: Yao Ming.

Il giocatore di Basket cinese ed NBA, che in una recente ricerca era risultato essere il personaggio che più di chiunque altro, Confucio compreso, rappresentasse il valore stesso della Cina moderna nel mondo, quasi sicuramente alle SUE Olimpiadi non ci sarà.

Molti cinesi sono rimasti schoccati, in quanto"l'immedesimazione" in questo incredibile atleta di 2.26 è un fatto molto diffuso in Cina.

Apr 22
2008

Tutti a Beijing .. senza paura..Liberi di viaggiare..

Posted by My China B2B in sports , Olympic Games

My China B2B

In questi giorni, parlando con alcuni amici sulle vacanze che stanno organizzando per la prossima estate, apprendo che alcuni di loro avrebbero desiderato venire in Cina per assistere ai Giochi Olimpici per poi prendersi qualche giornata e poter completare la visita anche di altre città cinesi.

La maggioranza di loro però alla fine ha rinunciato per una ragione che li accomuna, del tutto "campata per aria", da parte delle Agenzia di Viaggio Italiane a cui si erano rivolte: "il viaggio è tutto organizzato dai cinesi a scatola chiusa, non si è liberi di scegliere gli itinerari".

Nulla di più falso!!.

Peccato che questa "storiella" faccia ancora presa, dato che nella mente dei più, la Cina è ancora un paese chiuso, dove gli stranieri non possono muoversi senza sottostare alla approvazione restrittiva delle autorità cinesi. Bene, da molto tempo ciò è totalmente FALSO.

A parte alcune (poche) aree dove per ragioni, diciamo di "ordine pubblico" che non sto qua a ricordare, l'ingresso agli stranieri è sconsigliato o anche impedito, tutto il resto della Cina è libera meta per qualsiasi tipo di turista, anche il "fai da tè".

Quindi durante i Giochi, a nessuno straniero sarà impedito di andare a Beijing. Semmai il problema vero è che in quelle giornate trovare un posto letto sarà alquanto difficile, così come trovare un biglietto per le cerimonie di apertura e chiusura.

Spazi esistono per le altre specialità "minori" ma occorre venire qua per sperare di trovare qualcosa di disponibile.

La situazione di Beijing non sarà quindi tanto diversa da quella di Milano, Parigi o Londra nelle giornate della Moda o dei principali eventi fieristici.

Detto che si è liberi di venire in Cina in ogni momento, semmai un problema pratico, una volta arrivati, è un altro: a differenza di quando si viaggia in Europa o Usa, un turista medio alla conquista della propria avventura, magari vissuta alla giornata, può trovare una ben diversa barriera, quella "linguistica" che, anche nella grandi città, può finire per impedire anche le cose più elementari.

Ma questo non centra nulla con la libertà di movimento di cui si può godere quando si entra in Cina.

I pacchetti turistici cinesi sono creati dai cinesi, perché formalmente il mercato turistico cinese è ancora ufficialmente chiuso per le aziende turistiche non cinesi. Ma questo non vieta ad una agenzia viaggi italiana di venire in Cina e concordare con una controparte cinese viaggi ad hoc e diversi tragitti, in modo da consentire ai propri clienti Italiani di scoprire la "vera Cina".

Detto questo, è quindi sicuramente consigliato organizzarsi affinché, trovata una guida locale o una agenzia viaggi Cinese, si possa con essa fare quello che si fa nel girare qualsiasi altro paese occidentale.

Questo anche perché i pacchetti turistici in vendita dalle nostre parti sono spesso "massacranti" e stile alla giapponese del "vedi, fotografa e passa oltre", un approccio poco consono per un turista italiano spesso più incuriosito ad approfondire e cercare di entrare in contatto con questa dimensione così diversa dalla nostra, andando oltre la semplicistica fotografia di rito, stile "Americano a Roma" di fronte al Colosseo.

Sarete così liberi di scegliere i vostri itinerari, anche da un giorno all'altro. Le procedure di segnalazione agli enti di polizia sono infatti automatizzate e quando soggiornerete in un albergo, come del resto anche da noi, sarà l'albergo stesso a segnalare la vostra presenza agli organi preposti di polizia.

Ma state tranquilli, nessuno vi chiederà quale sarà la vostra prossima meta, lasciandovi così intatto il "piacere della scoperta" di un paese che offre soprattutto fuori dagli itinerari canonici il proprio meglio, ma che proprio a causa di questa scarsa professionalità di molte agenzie di viaggio italiane e a causa di molti preconcetti duri a morire, restano prerogativa solo dei cinesi.

Esiste una sola richiesta formale inderogabile che vi verrà fatta al momento della richiesta del visto turistico: presentare il biglietto di andata e ritorno, testimonianza concreta della vostra intenzione di tornare e raccontare delle bellezze e delle esperienze da voi vissute nel profondo Far East.

Apr 22
2008

MSN LOVE CHINA

Posted by My China B2B in sports , Olympic Games

My China B2B
Oggi, collegandosi al proprio Messanger, non può passare inosservato il fatto che lista dei contatti cinesi ( ma non solo) abbiano ora tutti con lo stesso Nickname: (L) LOVE CHINA.

Attraverso un passaparola partito lunedì dal sito 5Sai.com, nato come una delle proposte in votazione tra le iniziative suggerite per supportare le prossime Olimpiadi, come era inevitabile, si è poi diffuso attraverso tutta una serie di mailing list su tutta la rete cinese.
Il risultato è che in queste ore gli internauti cinesi si passano il seguente messaggio:

"Add "(L) China" in front of your MSN name. The (L) will appear on screen as a red heart".

Questa "protesta" simbolica, un segnale di "pace" condiviso dal popolo della rete cinese è in reazione ai molti, troppi attacchi subiti dal proprio paese attraverso i media occidentali e ai "ventilati" boicottaggi di molte nazione in vista delle prossime Olimpiadi,.

Oggi, poco più di 4 milioni di cinesi ( e non solo), hanno ora questo messaggio come proprio Nick Name, un messaggio che travalica il comprensibile patriottismo del momento, cercando di essere un concreto invito affinché la si smetta nel continuare a rappresentare la Cina come fino ad ora fatto dai diversi media occidentali.

In particolare nel mirino della critica degli internauti vi è CNN, accusata con tanto di prove filmate, di "storpiare" la verità su quanto realmente accaduto.

Quello che sta succedendo nel inter-mondo cinese è interessante anche per un altro aspetto. I cinesi anche grazie a questo passa parola, si stanno informando e stanno prendendo coscienza di quanto accaduto in Tibet, anche perché la linea stessa del governo cinese sembra essere, in queste ore, quella di dare ampio spazio ai fatti tibetani, cercando di fornire tutte le informazioni in loro possesso, rispondendo punto su punto alle dichiarazioni / affermazioni che appaiono sui media occidentali.

Ma il fatto che in massa stiano ora rispondendo con un cuore chiamato "Love China" fa capire quale sia la propria posizione ANCHE DOPO aver appreso quello che molti media occidentali ancora vogliono fare credere sia tenuto segretamente nascosto dalle autorità cinesi.

Da tempo infatti non è più così. Da tempo i cinesi sanno quanto noi stessi sappiamo sulla questione tibetana.

Il problema sembra ora essere la continua ostinata convinzione occidentale, che tutto il torto stia dalla parte cinese, basata sul sensazionalismo e le manifestazioni mediatiche, oltretutto spesso realizzate con clamorosi "falsi", dimostratisi ampiamente tali.

Forse questi "cuori cinesi" dovrebbero aiutarci a comprendere la "reale posizione" del cinese medio in questo particolare periodo storico, farci "aprire" gli occhi a noi occidentali, su un mondo globalizzato che spesso travalica le nostre "utopie".

Aiutarci a comprendere come forse sarebbe più costruttivo evitare facili semplicistici approcci e sommari giudizi, cercando invece di guardare le cose con una prospettiva più realistica e concreta di quella troppo spesso utilizzata in questi mesi sui media e dai movimenti di opinione occidentali, affinché si contribuisca realmente a trovare una soluzione ad un problema complesso come quello Tibetano e non trasformarlo nella causa di problemi ancora peggiori.
Apr 22
2008

Il “trappolone” olimpico

Posted by My China B2B in sports , Olympic Games

My China B2B

Vedendo come i fatti del Tibet si stanno sviluppando e gli "attacchi" preparati al passaggio della fiaccola olimpica, non ultimo l'incredibile "spegnimento" di Parigi, appare sempre più plausibile che i cinesi, nell'accettare di organizzare i Giochi Olimpici del 2008, senza volerlo, siano finiti in un "trappolone" delle proporzioni ancora tutte da valutare.

Nell'assumersi tale responsabilità nel 2001, oltre all'onore connesso alla manifestazione, i cinesi hanno accettato anche il rischio di vedere strumentalizzato o peggio "politicizzato" il grande spazio mediatico che le Olimpiadi offrono a chiunque, così come la possibilità di subire "attacchi alla propria immagine" politica e sociale, faticosamente costruita in questi decenni di apertura alla comunità internazionale.

Ma forse i cinesi, in sede di approvazione CIO, non compresero fino in fondo a quale gioco si sarebbero potuti "prestare" per una candidatura fatta passare nonostante, già allora, avesse un "apparente" parere generalizzato di segno contrario. Ora forse questa "azione" trova una sua spiegazione e una sua logica: tendere una trappola alla Cina!

E' evidente che la ricorrenza tibetana, che sembra aver scatenato i disordini dei giorni scorsi, fosse da tempo nel calendario di molte, troppe persone ed organizzazioni internazionali di vario genere e colore, per non rappresentare un "appuntamento annunciato".

Basti solo ricordare come nei giorni che l'hanno preceduta alcuni fatti appaiono ora segnali "premonitori" tra loro strettamente connessi: il vorticoso "tour de force" del Dalai Lama in giro per il mondo, con incontri politici a vari livelli, compresi quelli con il Presidente Bush e la Cancelliera Merkel; il blocco navale cinese che ha impedito l'ingresso di una squadra navale militare americana nelle acque di Hong Kong, lasciando così a "bocca asciutta" le migliaia di parenti in attesa da ore, nonostante la stessa squadra navale avesse precedentemente ricevute tutte le necessarie autorizzazioni dalle autorità cinesi.

All'esterrefatto ammiraglio americano che credeva in un "errore" di comunicazione e chiedeva lumi ai vertici cinesi, fu rimarcato come tale azione fosse esplicitamente da collegare agli incontri del Presidente Bush con il Dalai Lama e quindi un "segnale diretto" alla amministrazione Americana.

Tutto quello che sta accadendo sembra però uscire dal copione di un film, con una serie di azioni spesso prevedibili, copione che però sembra scritto ben lontano dallo stesso Tibet e dalle stesse strade dove la fiaccola olimpica è passata e passerà nei prossimi giorni.

Dispiace assistere a questo "linciaggio" morale quotidiano ai danni della Cina e del suo popolo, così come vedere i media occidentali tutti "pollice verso" e diventati strumenti / vetrina, di un oramai evidente tentativo occidentale di voler dare una "spallata" all'attuale assetto politico cinese, utilizzando le Olimpiadi quale strumento e grimaldello decisivo, una euforia ed aggressività ormai spesso "fuori dalle righe", una esaltazione di piazza quasi si volesse assistere alla replica del "muro di Berlino".

Peccato veramente, anche perché la Cina da tempo ha iniziato la strada verso un futuro diverso e ha già attivato profondi e radicali cambiamenti interni che però necessitano di tempo per svilupparsi.

Il Tibet poi, sembra essere più una buona "scusa" che il reale problema da risolvere.

Forse queste Olimpiadi sono arrivate "troppo presto" per essere un momento di condivisione con il mondo intero di una rinascita, pacifica e condivisa del "paese di mezzo".

Speriamo solo che questo astio non degeneri in ulteriori e più gravi azioni e si apra quel dialogo necessario ed auspicabile tra le parti affinché si trovi una soluzione, dialogo che non passa dal "muro contro muro" o dalle dichiarazioni di boicottaggio di alcuni politici di queste ore che sembrano più un arma elettorale interna che un reale tentativo di contribuire ad una costruttiva soluzione.

Ma soprattutto, per favore, lasciamo fuori qualunque tipo di violenza. Non è la soluzione per nessun tipo di problema, soprattutto in questa delicata situazione internazionale.